• Home
 

Due ore davanti al gip di Cremona, Guido Salvini. Tanto è durato l'interrogatorio di Nicola Santoni, l'ex preparatore atletico dei portieri del Ravenna, arrestato nei giorni scorsi insieme ad altre 16 persone nell'ambito dell'inchiesta della procura di Cremona sulle partite truccate.
Santoni è finito in manette con l'accusa di essere "il tramite stabile" tra il capitano dell'Atalanta Cristiano Doni e i restanti membri dell'organizzazione "in ordine alla manipolazione delle partite dell'Atalanta". Santoni è stato sentito anche in merito al sospetto che Cristiano Doni avesse pagato parte della parcella dell'avvocato dello stesso Santoni il quale, dopo la sua sospensione da parte della giustizia sportiva, aveva dato segnali di cedimento. In una conversazione intercettata del 1 agosto 2011 Santoni aveva detto a un amico, nell'imminenza della sua convocazione davanti alla giustizia sportiva:"Niente... per me possono morir tutti... io lunedì... mercoledì faccio... le mie memorie". "In base a quelle - aveva proseguito - si... ammazzano tutti... ci sono delle grandi corde per impiccagione".
Durante l'interrogatorio l'ex preparatore dei portieri ha ammesso le proprie responsabilità riguardo ai fatti a lui imputati senza però accennare a diretti rapporti con lo stesso Doni. Santoni di fatto si è dissociato dalle circostanze che non lo coinvolgono direttamente senza accennare a un proprio coinvolgimento diretto con Doni. In relazione alla partita Atalanta-Piacenza del 19 marzo 2011, Santoni in combutta con Buffone, Benfenati e Parlato ha ammesso di aver "comprato" il Piacenza affinchè perdesse contro la squadra orobica. La cifra puntata sarebbe stata di trentamila euro che al termine della gara ha fruttato il doppio. Santoni ha confermato di aver consegnato la puntata a Parlato senza però fornire indicazioni su come e grazie a chi si fosse procurato la cifra.
Rispondendo alle domande di Salvini, Santoni ha confermato di essere stato a Manerba, sul lago di Garda, per incontrare Alessandro Ettori il quale avrebbe dato rassicurazioni sul versamento di una somma di denaro per affrontare le proprie spese legali. Successivamente Santoni ha ammesso di aver incontrato Cristiano Doni sabato 27 agosto presso lo stabilimento balneare "I figli del sole" di Cervia. Santoni ha deciso di collaborare con il gip Salvini, nonostante il proprio legale avesse già inviato istanza al tribunale del riesame per evitare l'interrogatorio.

K2_SOCIAL_SHARING