logo 2018 rev2 def

Brignoli in testa per..il gol più bello della Serie A 

31.10.2018

Il gol realizzato dal Portiere lo scorso Campionato al Milan è votato come il più bello della Stagione


In tuffo, di testa, palla all’angolo e pari al 95’. Alberto Brignoli e il suo gol al Milan è lanciato verso l’happy ending, come nella liturgia delle favole. Il timbro dell’attuale portiere del Palermo, realizzato quasi un anno fa con la casacca del Benevento ai rossoneri - prima gara in panchina per Rino Gattuso e primo punto per i campani in Serie A doo 14 sconfitte in fila -, è tra i candidati al riconoscimento come miglior rete dello scorso torneo, con premio consegnato il 3 dicembre, durante il Gran Galà del Calcio.
Anzi, al momento è la marcatura più votata, Brignoli avanti a consumati conoscenti del gol (12 reti prese in considerazione), da Icardi a Belotti, Chiesa e Bernardeschi, Luis Alberto e Pandev. Punte, mezzepunte, piedi al miele e poi lui, qualche presenza prima, panchinaro dopo quella storica rete al Benevento. Un Gronchi rosa, il portiere che segna: l’irrazionale che dà scacco agli schemi non scritti del pallone, alla strategia. Ma anche un regalo per i ragazzini piazzati in porta sui campi sterrati ma che vogliono giocare a calcio e fare gol, magari relegati in porta perché meno bravi con i piedi.

Anche se il mestiere del guardiano del faro si è evoluto. Quattro, cinque passi più avanti, un libero aggiunto. Un pezzo imprescindibile del giro-palla, lanci di 20-30 metri per i compagni (ma Reina e il napoletano Ospina si spingono anche oltre). Nei top club europei ci sono solo piedi buoni, da Navas/Courtois al Real Madrid, Ter Stegen/Barcellona, poi Ederson, De Gea, Kepa in Premier League, Neuer al Bayern Monaco. Anche se Carlo Ancelotti, nella prima conferenza stampa da allenatore del Napoli, a proposito dei suoi portieri ha provato a mettere i paletti, a sconfessare il trend: conta più il portiere che para


Condividi