• Home

Il portiere del Pescara, accostato ad altre squadre durante questo mercato di Gennaio, spera ancora in un'impresa degli abruzzesi

Albano Bizzarri è un portiere di esperienza, lo scorso novembre ha compiuto 39 anni, ma a Pescara si sta distinguendo all’interno di una stagione complicata per il club abruzzese. Nelle ultime ore Bizzarri è stato tentato da un paio di sirene dalla Major League Soccer, tentazione americana smorzata sul nascere perché l’estremo difensore argentino vuole concludere la stagione a Pescara.

L'argentino ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Clarin; queste le sue parole: “Cosa mi è mancato per impormi in una squadra importante? Essere nel posto giusto al momento giusto. Appena arrivato alla Lazio mi sono fatto male alla spalla e ho trascorso un anno senza giocare. Quando sono tornato, avevo già l’etichetta di sostituto e non mi lasciarono combattere per un posto. È stato un errore andare alla Lazio. Prima giocavo al Catania, ero nel momento migliore della mia carriera, avevo il mio futuro in mano e non l’ho saputo gestire. Sono andato in una squadra dove non avevano bisogno di me. Dopo è stato molto difficile trovare un club che mi desse la possibilità di giocare. Però sapevo che se me l’avessero data avrei reso al massimo, non volevo lasciare il calcio. Poi è arrivato il Chievo quando avevo 36 anni e ho finito per trascorrere quelli che probabilmente sono i due migliori anni della mia carriera. Sono stato eletto due stagioni consecutive tra i migliori portieri in Italia. Ovviamente, giocando in una squadra giovane come il Chievo, nessuno lo sa. Ora sono a Pescara e sono felice di combattere per questa causa”.

K2_SOCIAL_SHARING