• Home

Il portiere della Nazionale USA femminile, lancia pesanti accuse all'ex Presidente della FIFA. "Ero sotto schock e compltamente spiazzata"

Il “caso Weinstein”, oramai, ha involontariamente avviato una lunga serie di effetti a catena che si sono estesi anche ben oltre i confini del mondo cinematografico. Sono all’ordine del giorno, infatti, le coraggiose dichiarazioni di donne, ed anche uomini, che nella loro vita sono stati vittime di abusi sessuali da parte di soggetti forti della loro posizione privilegiata in un determinato contesto. Quest’ultimi perpetravano le molestie attraverso l’uso di minacce e ricatti per la concessione di un lavoro alle vittime dell’abuso, o, banalmente,  per il semplice “gusto di farlo”.
La notizia che arriva dall’odierna edizione del quotidiano portoghese Expresso, però, è una di quelle che inevitabilmente pone l’attenzione di questo particolare “fenomeno” anche sul mondo sportivo, ed in particolare su quello calcistico.
Hope Amelia Solo, ex portiere della Nazionale Femminile degli USA, ha infatti dichiarato che durante la cerimonia di premiazione del Pallone D’Oro 2013 avrebbe ricevuto, il condizionale è pur sempre d’obbligo, degli apprezzamenti verbali ed una “palpata” sui glutei, da parte dell’allora Presidente della FIFA, Joseph Blatter: “Sepp Blatter mi ha messo una mano sui glutei durante la cerimonia del Pallone d’Oro del 2013, poco prima di salire sul palco” – dice la Solo – Ero sotto shock e completamente spiazzata. Dovevo assegnare alla mia compagna di squadra il più importante premio della sua carriera, perciò spostai completamente la mia attenzione su Abby.”
Le parole della calciatrice hanno inevitabilmente scatenato un enorme riscontro mediatico, alle quali non sono mancate, però, la pronta risposta da parte dell’ufficio stampa personale dell’ex numero uno del calcio mondiale, tramite il quotidiano inglese “The Guardian”: “Accuse ridicole”. Poche parole ma che ben delineano la volonta di Blatter di tirarsi fuori dall’ennesimo scandalo della sua carriera.(superscommesse.it)

 

K2_SOCIAL_SHARING