• Home

Il portiere della Pistoiese, Anthony Iannarilli sarà premiato il prossimo 24 maggio a Fiuggi in occasione degli "Italian Sport Awards".

Questo lo splendido servizio che PistoiaSport ha fatto al suo Portiere:

Fa incetta di premi Anthony Iannarilli. Dopo il titolo di miglior portiere del girone B di Lega Pro dello scorso anno, nonostante la retrocessione col Gubbio, a questo giro il portiere della Pistoiese fa di meglio e si prende il titolo di tutta la vecchia Serie C. Battendo coloro che sono saliti di categoria, mettendosi dietro almeno 53 portieri delle altre compagini di Lega Pro.

Nel mezzo, guai a dimenticarlo, anche il premio che ha ricevuto ad inizio marzo con i Pistoia Sport Awards: a lui è andato il Memorial Fabio Nanni come miglior portiere ed anche per il personaggio che è e per tutto quello che ha passato.

Diciamocelo apertamente: senza la sua presenza, molto probabilmente adesso la Pistoiese sarebbe a preparare i playout. Tante, persino troppe secondo alcuni, le parate fondamentali durante un campionato super per Iannarilli: quasi mai, se non a Savona alla penultima, una insufficienza in pagella. Grande posizione fra i pali, ottimo nelle uscite, riflessi da gatto e rinvio deciso del pallone. Tutte caratteristiche che, in porta, alla Pistoiese 2014/15 erano mancate fin troppo.
«Dopo il traguardo dell’anno scorso si sale di livello e per me non può che essere un onore – spiega il portierone della Pistoiese – questo significa che ho lavorato bene e che sono stato utile alla causa arancione in questa stagione che è stata molto più difficile del previsto ma alla fine l’obiettivo che dovevamo raggiungere lo abbiamo ottenuto, anche se con sofferenza. Il mio ruolo è quello di evitare i gol e spero di averlo fatto nel migliore dei modi: mi sento di ringraziare il preparatore Massimo Gazzoli che mi ha dato tanto, avvantaggiato dal fatto di aver smesso di giocare soltanto un anno fa. La cosa che mi porto dietro è quella che mi ha insegnato a reagire bene agli sbagli che un portiere commette».

Idee chiare sugli errori, a L'Aquila al debutto e contro il Savona, e sulla parata dell'anno nonostante anche domenica scorsa contro il Pisa il suo contributo è stato fondamentale. «Sono cose che capitano – prosegue Iannarilli – si sta male la sera della partita ma dal giorno dopo bisogna pensare al match successivo. E così ho fatto concentrandomi sul Pisa contro il quale mi sono fatto trovare pronto (nel primo tempo tre interventi risolutori, ndr). La parata più bella sicuramente il rigore preso al Savona nel girone d’andata: senza quei tre punti, con il pericolo sventato a 7’ dalla fine, probabilmente la nostra stagione avrebbe preso un’altra piega».
E il futuro dove sarà? «La mia priorità è chiaramente Pavia (ha ancora due anni di contratto ed a Pistoia era in prestito,ndr) – conclude il numero 1 della Pistoiese – se qua la società deciderà di mettere in piedi un progetto importante ed ambizioso posso anche farci un pensierino, la porta non la chiudo senz’altro».

K2_SOCIAL_SHARING