• Home

Un ritorno al passato per il portiere brasiliano che ha deciso di non ritirarsi.

Dopo le lacrime nel giorno dell'addio al Benfica che lasciavano presagire il ritiro dal calcio, Julio Cesar ci ha ripensato e ha riabbracciato la squadra che lo ha lanciato nel calcio dei grandi: il Flamengo. Il portiere ex Inter, 38 anni, ha firmato per metà stagione a uno stipendio simbolico: secondo quanto scrivono in Brasile, circa 10.000 reais al mese ovvero poco più di 2.500 euro mensili.
 
Il Flamengo per Julio Cesar, ex portiere dell’Inter, è l’ultima tappa della sua carriera. Dopo aver rescisso a novembre con il Benfica, per il portiere 40enne si è aperta questa nuova avventura con il suo vecchio club anche se sarà breve visto che ha firmato un contratto di soli tre mesi. Julio César ha ricordato le difficoltà che il Flamengo ha attraversato quando è andato via dal Brasile alla fine del 2004 per trasferirsi a Milano. “Ho lasciato al club quattro o cinque mesi di stipendio e non ho chiesto un centesimo. Poi mi hanno chiamato per saldare i conti e pagare gli interessi, ma ho detto che non volevo nulla in più. Il Flamengo mi ha dato molto più di quello che io ho dato a club”, ha ricordato il portiere.
Julio Cesar in sala stampa ha poi svelato una vecchia storia: “Il nostro più grande idolo, Zico, entrò un giorno nella stanza di fisioterapia e non c’era l’aria condizionata. “Non è possibile rimanere, qui fa troppo caldo” disse Zico. A quel punto io lasciai la struttura dove ci allenavamo e corsi in un centro commerciale. Comprai un condizionatore d’aria, e lo feci installare nella sala di fisioterapia. Ho consegnato la ricevuta  per il rimborso che però poi scomparve e non venni pagato. Sono storie del passato, ma grazie a Dio oggi il Flamengo non ha bisogno di soldi visto che oggi dispone di una struttura efficentissima”, ha detto il portiere brasiliano.

K2_SOCIAL_SHARING