• Home

SuperGigi si presenta al Paris Saint Germain affrontando una sfida con sè stesso.

Dodici anni esatti dopo aver fatto piangere i francesi per quella parata su Zidane e per aver alzato la Coppa del Mondo al cielo di Berlino, l’orizzonte di Gigi Buffon e dei francesi è cambiato. Il portierone ha cambiato vita a 40 anni, abbracciando una nuova sfida dopo 17 anni di Juventus, mentre gli appassionati francesi sognano di riuscire a vincere il Mondiale e accolgono nella propria capitale un’icona del calcio internazionale.

L’ex capitano della Nazionale è stato presentato al Parco dei Principi. A introdurlo le parole del presidente del Paris Saint-Germain Nasser Al-Khelaifi: “Gigi Buffon è un portiere con tantissima esperienza, che ha scelto Parigi per vincere altri trofei”.

Poi, parola a Super Gigi, che spiega i perché della propria scelta: “Ho scelto di venire qui perché sentivo di poter dare ancora qualcosa di importante. Voglio dimostrare di essere ancora un grande portiere e ce la farò. Fino a quest’anno ho giocato anche in Nazionale, quindi ho dimostrato di essere competitivo. Io vorrò giocare fino a quando starò bene e fino a quando dimostrerò di essere tra i più forti. Il giorno in cui questo non succederà sarò il primo a farmi da parte. Io amo le sfide, voglio mettermi alla prova. Il primo allenamento del PSG è stato anche difficile, visto che tanti ragazzi parlano una lingua diversa, ma questo disagio mi rende felice. Tra un mese o due sarò una persona più forte, avrò amici nuovi e una cultura nuova, sarò una persona e un calciatore migliore”.

CHAMPIONS? SOGNO, NON OSSESSIONE – “Sono venuto in un club ambizioso, al quale tutti chiederanno di vincere. Farò il possibile per aiutare la squadra ad ottenere i migliori risultati che si possono conquistare, ma la Champions League non sarà un’ossessione. Le tre giornate di squalifica? La società ha fatto le valutazioni del caso, la mia decisione di venire qui non dipendeva certo dalla durata della squalifica, che rispetto senza problemi e polemiche”.

‘MONDIALE? ABBIAMO GUFATO TUTTI…’ – Infine una battuta scherzosa sull’andamento del Mondiale, che l’Italia ha dovuto guardare da spettatrice: “Quando gli italiani si mettono a gufare viene fuori un disastro… Sono uscite tutte le più forti eccetto la Francia… Se ci concentriamo, magari… Scherzi a parte, penso che la Francia abbia buone possibilità di vincere la Coppa, ha un’ottima squadra e un ottimo allenatore che conosco bene”./(italsportpress)

K2_SOCIAL_SHARING