• Home

Nell'ultima giornata del mercato invernale scambio di portieri tra Sampdoria e Benevento.

Accordo fino al 2020 per il genovese, 37 anni appena compiuti. Vid Belec invece lascia il Benevento e va alla Samp.
 
Dicono che nel calcio moderno non esistono più le bandiere. Quei calciatori che legano la propria carriera a una sola maglia, sin dagli esordi, o che dopo il trasferimento della vita decidono di tatuarsi una maglia sulla pelle e sul cuore. Calciatori e uomini di razza come Franco Baresi, Paolo Maldini, Alessandro Del Piero, Javier Zanetti, Francesco Totti. Esistono ancora giocatori di questo tipo? Pochi, ma ne esistono.
E proprio uno di questi è stato venduto nell’ultima giornata di mercato dal club che ha sempre amato e per cui è riuscito finalmente a giocare a quasi 35 anni. Lasciandolo a 37 con parole di grande commozione e amore vero per i colori che hanno sempre fatto battere il suo cuore.
Si tratta di Christian Puggioni, portiere-tifoso della Sampdoria che ora giocherà nel Benevento. Noto per aver rifiutato in passato un trasferimento al Genoa “per rispetto nei confronti della Samp, per cui tifo, ma anche del Genoa stesso”, l’esperto portiere ha voluto salutare i suoi tifosi con parole di grande commozione, raccolte da genovapost.com: “Ragazzi, pensavo non potesse mai arrivare questo momento. Pensavo veramente non potesse mai arrivare. Non ho dormito per tre notti nella mia vita. La prima è stata qualche anno fa quando mi proposero di andare via dal Chievo, per andare all’altra squadra di Genova. L’offerta economica era importante, ma alla fine declinai. L’altra volta che mi capitò di non dormire fu il giorno prima del mio esordio in blucerchiato. Prima di giocare quella partita lì non dormii tutta la notte. Ieri mi è capitato lo stesso perché non avrei mai pensato di poter lasciare questa maglia. È vero, molti me lo hanno detto, sono sempre stato sampdoriano quando ho vestito altre maglie, sono stato sampdoriano quando ho indossato questa maglia e sarò sampdoriano quando ne indosserò un’altra”.
Puggioni si è poi rivolto direttamente ai tifosi della Samp: “Era giusto che io vi salutassi. Perdonatemi se non lo faccio nel modo giusto. Spero che mi possiate apprezzare per tutto quello che ho fatto in campo e fuori per quella che è la nostra maglia. Mi piacerebbe che tutto quello che ho fatto fosse visto come quello che può fare qualsiasi ragazzo per la propria squadra del cuore. Volevo salutarvi perché adesso mi aspetta una nuova sfida. Chi mi conosce sa che metto anima e corpo in quello che faccio. Perché oggi tutte le mie energie dovranno essere rivolte a questa nuova grande sfida, che ha fatto il presidente (Vigorito, ndr) sul Christian uomo e sul Christian giocatore. Grazie a tutti”.(sport.virgilio)

K2_SOCIAL_SHARING