• Home

Il portiere del Pescara si sarebbe rifiutato di andare in panchina ed il tecnico Zeman, nella sfida con l'Empoli, lo ha mandato in tribuna.

Andare in campo senza portiere sarebbe surreale. Il Pescara però ieri sera, di scena a Empoli, non va tanto lontano da questa stranezza: Zeman, infatti, ha escluso dalla partita il portiere di riserva Mirko Pigliacelli e così la squadra non ha un sostituto di ruolo in panchina per il portiere titolare Fiorillo. Nel caso dovesse dunque accadere qualcosa (problema fisico? Sanzione disciplinare?), sarà un altro giocatore a indossare i guantoni e parare.

Pigliacelli è stato escluso per motivi disciplinari: si sarebbe infatti rifiutato di sedere in panchina dopo aver espresso anche sui social (storie su Instagram poi rimosse) la voglia di giocare titolare. Zdenek Zeman non ha gradito e lo ha spedito in tribuna: in distinta nessun sostituto ma solo spazio bianco laddove avrebbe dovuto esserci il nome di Pigliacelli. Evidentemente per Zeman, emblema del calcio votato all’attacco, non è un problema: prima vengono le regole, anche se questo dovesse significare schierare un attaccante in porta. “Mentalità troppo offensiva? Io vorrei 15 azioni zemaniane a partita”, aveva detto nella conferenza stampa di presentazione del match contro l'Empoli.
La versione dell'agente di Pigliacelli
Dall'entourage di Pigliacelli filtra la versione che si sia trattato di una scelta sia tecnica che disciplinare: nessun episodio in particolare tra Zeman e il giocatore prima della partita e, secondo l'agente, nessun rifiuto di andare in panchina da parte di Pigliacelli. Soltanto una decisione del boemo, accettata senza battere ciglio dal giocatore ma che tuttavia ha lasciato tutti sorpresi. (fonte:sky.it)

K2_SOCIAL_SHARING