logo 2018 rev2 def

Il sorpasso di Mirante. La Roma nelle sue mani 

09.04.2019

Il portiere italiano si è preso il posto da titolare nella Roma a discapito di Olsen


Antonio Mirante aspetta il terzo indizio per rendere ufficiale la prova. Che poi non è altro che il cambio di gerarchie tra i portieri della Roma, il rovesciarsi dei valori in campo tra chi doveva essere il titolare indiscusso (Robin Olsen) e chi, invece, è arrivato a Roma per offrire un contributo d’esperienza.
Mirante, appunto. L’uomo che da due partite si è impossessato della porta della Roma e sembra proprio non volerla mollare più, almeno fino al termine della stagione: in questo momento garantisce e offre ai compagni di difesa ciò che Olsen, con tutte le sue incertezze, non riusciva ad offrire più. E cioè sicurezza. Non è un caso, infatti, che alcuni giocatori siano tornati di colpo a far meglio di quanto non abbiano fatto prima.

Advertisement

Federico Fazio, ad esempio. Passata Roma-Parma, si vedrà cosa fare. Nel senso che Mirante ha un contratto con i giallorossi fino al 2021, altri due anni. Ovviamente la Roma non pensa a lui come il portiere del futuro, ma ora ha la certezza che è un ottimo secondo, di livello, in grado di garantire affidabilità in ogni situazione in cui può essere chiamato in causa.

 

Intanto in una gara del Campionato danese spunta un cartello: «Riprendetevi Olsen, take Olsen back, tag Olsen tilbage». Un messaggio scritto in tre lingue e recapitato direttamente al club dove fino alla scorsa stagione militava il portiere romanista. Un tifoso della Roma infatti ieri pomeriggio ha assistito al match in Danimarca tra Boldklub e Copenaghen, mostrando durante la gara un foglio che invitava l'ex squadra a riprendersi l'estremo difensore che alla Roma non ha convinto, tanto da finire in panchina nelle ultime due giornate di campionato. Difficilmente il Copenaghen accetterà l'invito del romanista, avendo recuperato da Olsen ben 8,5 milioni di euro pià eventuali altri 3,5 di bonus.


Condividi