logo 2018 rev2 def

L'Arsenal scopre Meret 

12.04.2019

Nella sifda UEFA i Gunners sbattono contro il muro alzato dal portiere del Napoli che nonostante la sconfitta è stato il migliore in campo...


Meret non aveva ancora giocato una grande partita europea. Non c’era in Champions e fin qui le partite giocate in Europa League, non possono essere considerate di primo livello. Quindi contro l’Arsenal c’è stato il suo debutto. E che debutto. Meret ha tenuto in piedi ilNapoli con una serie di parate: sia nel primo sia, soprattutto, nel secondo tempo quando ha strozzato per tre volte l’urlo dell’Emirates. Splendida la reazione al tiro a botta sicura di Ramsey.Meret non ha mai perduto la testa, nemmeno dopo l’autorete di Koulibaly. E non era per nulla facile, anche perché la difesa e tutto il Napoli hanno a lungo ballato. Specie nel primo tempo. Non c’erano punto di riferimento per il portiere. Non era semplice con una squadra che aveva paura di giocare il pallone. Persino Koulibaly, e non per l’autorete, è stato spesso confusionario, persino timido, impacciato.
Ritratti
12 Aprile 2019
A+
A-
Email
Stampa
Meret ha dimostrato (ancora) di essere un grande portiere

Non aveva ancora giocato una grande partita europea. Debutto di fuoco in uno stadio importante. E almeno tre parate decisive. Ha tenuto a galla il Napoli
Meret ha dimostrato (ancora) di essere un grande portiere
La prima vera partita europea

Meret non aveva ancora giocato una grande partita europea. Non c’era in Champions e fin qui le partite giocate in Europa League, non possono essere considerate di primo livello. Quindi contro l’Arsenal c’è stato il suo debutto. E che debutto. Meret ha tenuto in piedi ilNapoli con una serie di parate: sia nel primo sia, soprattutto, nel secondo tempo quando ha strozzato per tre volte l’urlo dell’Emirates. Splendida la reazione al tiro a botta sicura di Ramsey.

Meret non ha mai perduto la testa, nemmeno dopo l’autorete di Koulibaly. E non era per nulla facile, anche perché la difesa e tutto il Napoli hanno a lungo ballato. Specie nel primo tempo. Non c’erano punto di riferimento per il portiere. Non era semplice con una squadra che aveva paura di giocare il pallone. Persino Koulibaly, e non per l’autorete, è stato spesso confusionario, persino timido, impacciato.
0:37 / 0:47
Meret tiene vivo il Napoli: due parate decisive

E allora ci ha pensato lui. I tifosi e i giocatori dell’Arsenal se lo ricorderanno a lungo. Per il sangue freddo. Per non aver abboccato ad alcun giochetto. E per essersi sempre fatto trovare pronto. I due gol, ovviamente, non sono colpa sua.

Meret ha superato alla grande il debutto europeo. Un debutto del fuoco. Ha dimostrato, se ancora ce ne fosse stato bisogno, di esser un grande portiere. (Fonte: ilnapulista)


Condividi