logo 2018 rev2 def

Portiere da un pugno all'arbitro; rischia tre anni di carcere 

10.05.2005

 

<p>
Il portiere argentino dell'Union Espaiola del Cile, Ignacio Gonzalez, rischia tra i 540 giorni e i tre anni di prigione per aver violato la legge contro la violenza negli stadi. Domenica scorsa, durante una gara del campionato cileno, al secondo cartellino giallo che l'arbitro gli ha sventolato, il portiere Gonzalez ha perso la testa e ha sferrato un pugno all'arbitro. Ieri è stato ascoltato da un giudice che segue il caso, ma l'arbitro Osses ha fatto sapere che per lui conta solo la giustizia sportiva. "Domani io dimenticherò tutto, lui dovrà convivere con quello che ha fatto per tantissimo tempo", ha dichiarato Osses. "Mi dispiace, ho sbagliato - si è invece scusato Gonzalez -. Ho perso la testa, capita, ma so di avere fatto una cosa molto brutta, ho provato a scusarmi con l'arbitro ma non ci sono riuscito". Adesso toccherà al giudice sportivo infliggere la pena a Gonzalez che rischia tra le trenta e le 50 giornate di squalifica.</p>
 

Condividi