logo 2018 rev2 def

Sicignano e Storari in azzurro..sensazioni diverse 

20.10.2005

Marcello Lippi aveva deciso di convocare Nicola Santoni come terzo portiere per il doppio confronto della Nazionale Italiana, ma il portiere rosanero ha rifiutato per impegni familiari che aveva preso in precedenza. Al suo posto è stato convocato prima Marco Storari (rispedito subito a casa) e infine il portiere del Lecce Vincenzo Sicignano.
Per Marco Storari la Nazionale è stata una vera delusione:“Dovevo restare fino a Lecce, ma con la Nazionale ho solo cenato”.
Il portiere del Messina è rimasto deluso dopo essere stato convocato in Nazionale e subito dopo rispedito a casa. La nazionale è un sogno o è meglio sognare la nazionale? Questa vicenda è un po’ strana. “Premetto che non voglio fare polemiche, perché sia Lippi che i compagni di squadra mi hanno accolto benissimo, però…”
Però? “Ci sono rimasto male. E mi sembra normale. Mi avevano assicurato che sarei stato il terzo portiere anche per la partita di mercoledì, mi hanno fatto fare 500 chilometri in un giorno e poi mi hanno mandato via. Praticamente era un invito a cena, non una convocazione. Si mangia bene in nazionale, però insomma… Mi aspettavo sensazioni diverse. Per me questa non vale nemmeno come chiamata, non la sento mia”.
Santoni aveva rifiutato il ruolo di “precario”. Perché lei ha accettato? “Perché non sapevo. E infatti all’inizio me la sono presa con il Messina, pensando che fosse colpa della mia società. Invece a loro era stato garantito che Lippi mi voleva per tutte e due le partite”.
Che le ha detto Lippi? “Mi ha spiegato che per il ruolo di terzo portiere vuole dare una possibilità a chi gioca nella città che ospita la nazionale. E quindi adesso tocca a Sicignano. Benissimo, infatti non ce l’ho con l’allenatore. Ma io mi sono fatto due ore di macchina per andare a Palermo. Tanto vale chiamare un altro portiere che arrivasse in aereo”.
I Mondiali? “Non mi precludo alcun obiettivo, è il mio carattere, anche se so che sono tanti i portieri forti”.

Per il portiere del Lecce Vincenzo Sicignano, invece, la convocazione in azzurro è l’avverarsi di un sogno. C’è chi come il palermitano Nicola Santoni aveva da fare a casa, e chi come Vincenzo Sicignano in Nazionale ci sarebbe venuto pure in ginocchio sui ceci. Il portiere del Lecce “ringrazia” il collega, con il quale, tra l’altro, tre stagioni fa è stato compagno di squadra in maglia rosanero: "Ho saputo dai giornali che Nicolino ha rifiutato la convocazione in azzurro. Lo conosco, è un bravissimo ragazzo, non so quali motivi lo abbiano spinto a fare questa scelta. Comunque, gli telefonerò e, scherzando, gli spiegherò cosa si è perso. Ero a Napoli e sono venuto di corsa, la nazionale è il sogno di tutti, non solo dei bambini". Forse è il caso che Nicolino stacchi il cellulare per un po’…


Condividi