Nonno Ballotta ha superato anche Dino Zoff 

24.10.2005

Poco prima del fischio d'inizio del posticipo di campionato Roma-Lazio, il derby romano tanto atteso e sentito nella capitale, la Lazio perde subito uno dei suoi protagonisti; Angelo Peruzzi. Il portierone biancoazzurro, infatti, si infortuna ad un'anca durante il riscaldamento ed è costretto a dare forfait. In panchina non c'è nemmeno Matteo Sereni, da un paio di settimane alle prese con la pubalgia; ecco allora che ad entrare in campo nella partita più importante della stagione è il "nonno" Marco Ballotta, 41 anni lo scorso 03 Aprile.
Con questa presenza, Marco Ballotta diventa così il giocatore più vecchio a giocare almeno un minuto nella storia del Campionato di Serie A.
E pensare che già due anni fà, al termine dell'esperienza con il Modena, Marco aveva quasi deciso di lasciare il mondo del calcio per dedicarsi ad altre attività. Poi il ripensamento: lo scorso campionato era tornato, ma in serie B, a dare il suo contributo in quel di Treviso, al servizio di una squadra che di lì a pochi mesi avrebbe conquistato la Serie A. La squadra trevigiana però non gli aveva rinnovato la fiducia e Marco si era di nuovo trovato a spasso questa estate.
Poi, verso fine dello scorso Settembre, è giunto l'interessse da parte della società romana nei confronti dell'esperto portiere.  Dopo alcuni giorni di trattativa, Marco tornava finalmente alla "sua" Lazio (squadra con la quale aveva disputato tra l'altro due derby uscendo sempre da vincitore). Ieri Ballotta, schierato quindi in piena emergenza per l'infortunio di Peruzzi nel prepartita, ha superato il mito di un altro portiere, quel Dino Zoff che si era fermato a 41 anni, 2 mesi e 17 giorni. L'estremo bolognese ha scollinato i 41 da più di sei mesi e da oggi deterrà un record che sarà veramente difficile da raggiungere!
Complimenti nonno Ballotta!


Condividi





Scan this QR Code to read this content on the web