logo 2018 rev2 def

Germania: portiere espulso, squalificato per 8 anni! 

13.10.2020

Aggredisce l'arbitro e viene punito...


Nel calcio succede di non prendere troppo bene una decisione arbitrale, ma tra le tante regole del pallone ce n’è una che è più sacra delle altre: il direttore di gara non si tocca. Chi sfiora l’arbitro anche con un dito è passibile di espulsione e anche di una lunga squalifica, come hanno imparato a loro spese molti calciatori, anche di livello internazionale. Non succede spesso però che arrivi una squalifica pressochè infinita, considerando che otto anni sono tantissimi nella carriera di un giocatore. Eppure un incidente avvenuto nelle serie minori tedesche ha portato a una decisione della federazione locale che farà discutere.

RISSA – Come racconta ESPN, il portiere del CSV Marathon II, che affrontava l’SV Oppum, si è beccato una punizione che definire esemplare è poco. Il tutto è avvenuto dopo che all’Oppum è stato assegnato un gol che i padroni di casa ritenevano fosse macchiato da un fuorigioco. Ne è nata una rissa, sedata dal direttore di gara che ha mandato sotto la doccia uno dei calciatori del Marathon. Tutto sarebbe finito così se l’estremo difensore non fosse arrivato di corsa dalla sua area, colpendo l’arbitro alle spalle. Il match è stato immediatamente sospeso e nei confronti del portiere è stato emesso un ordine restrittivo per impedirgli di accedere alle strutture del club.

ESPULSO – E ora che è arrivata la squalifica da parte della federazione locale, come spiega il general manager, è possibile espellere il calciatore in maniera definitiva dal club. “Gente così al CSV Marathon non ha una seconda possibilità. Ora possiamo anche cacciarlo. Attaccare l’arbitro è qualcosa che non si può proprio fare. Noi facciamo un buon lavoro e cose del genere ci tolgono tuta la gioia, quando preferiremmo essere felici del nostro operato. Queste cose rovinano tutto”. Al punto che è stato lo stesso club a spingere nei confronti delle autorità calcistiche per una squalifica esemplare. Che è arrivata, considerando che otto anni sono la pena massima.


Condividi