logo 2018 rev2 def

Rafael, Audero, Ospina: quando l'assist viene dal portiere 

19.10.2020

Nelle prima 4 Giornate di Campionato, ben 3 assist sono stati fatti dai portieri....


Già tre estremi difensori hanno fornito passaggi vincenti (+1 al fantacalcio), strano record per la A. Galabinov, Verre e Osimhen ringraziano...

Alzi la mano chi se l'aspettava: Rafael, Audero e Ospina hanno tutti un assist all'attivo, quel +1 fantacalcistico che spesso salva risultati, coppe, giornate e weekend. Soltanto che loro sono tre portieri, difendono pali e risultati, ma stavolta hanno cambiato. Tre assist degli estremi difensori nelle prime quattro giornate di Serie A. Record quantomeno strano.
Ospina— Il portiere del Napoli si è unito al club in modo casuale, forse non voluto, ma il rilancio per Osimhen gli è valso il +1. Il colombiano calcia lungo, il nigeriano controlla, avanza e segna. Gol del Napoli, assist di Ospina, che negli ultimi due anni si è sempre alternato con Meret (nel 2018-19 anche con Karnezis). Stavolta parte avanti e confeziona anche l'assist vincente, Gattuso sorride. Anche perché gli azzurri hanno incassato un solo gol in tre partite giocate.

Rafael—Senza lo Spezia forse avrebbe smesso. Invece no: quando il patron Volpi chiama lui risponde sì. Partito come riserva, a 38 anni si è rimesso i guanti contro l'Udinese alla seconda giornata per sostituire l'infortunato Zoet. Risultato: assist per Galabinov all'ultimo gong e prima vittoria dello Spezia in Serie A. "Mi sono ritrovato con la palla tra le mani, ho visto il bomber da solo e lui ha segnato". Curiosità: Rafael aveva già sfornato un assist quando giocava nel Verona, nel 2009 contro la Ternana. Uscì palla al piede e imbeccò Farias, oggi suo compagno allo Spezia. Gol e piccolo rimpianto: non esiste il fantacalcio di C.

Audero—Altro giro, altro lancione. Verre raccoglie l'invito, tiene il pallone lì con uno stop da 10 e fulmina Dragowski con un pallonetto. Ah, il lancio dalle retrovie arriva da Audero, che si trasforma in play e serve l'assist al compagno, decisivo nel 2-1 al Franchi contro la Fiorentina alla seconda giornata. A volte, quando gli attaccanti avversari non lo impegnano, Audero parla da solo tra i pali. Si concentra così: "Sono un po' isolato, quindi ci sta". Magari avrà pensato a come servire Verre. (Francesco Pietrella - gazzetta.it)


Condividi