Pepe Reina è il primo regista della Lazio 

18.01.2021

Nel derby ha colpito due volte...


La costruzione di gioco della Lazio contro la Roma è stata pressoché perfetta, con l'impulso principale che arrivava proprio dal basso. Come sottolinea l'odierna rassegna stampa a cura di Radiosei, l'arma in più in impostazione per Inzaghi è stato Pepe Reina, che tra le sue caratteristiche principali ha anche un'ottima gestione del pallone con i piedi. Nel derby il portiere spagnolo è stato il terzo giocatore biancoceleste per numero di palloni toccati, 56, totalizzando anche 32 passaggi riusciti su 47 tentati di cui ben 12 nella metà campo avversaria, creando quindi situazioni pericolose come avvenuto nel primo gol. Senza considerare poi l'azione da PlayStation che ha portato al definitivo 3-0, a cui anche l'estremo difensore biancoceleste ha partecipato. Ma Reina non è nuovo a questo tipo di gioco, considerando anche che tra i portieri della Serie A con più di dieci presenze è secondo solo a Provedel per media di palloni toccati a partita (45) e che finora ha tentato 447 passaggi totali, di cui un buon 79% andato a buon fine. Insomma, nella Lazio di Inzaghi il portiere è il primo regista e Pepe Reina in questo momento è l'interprete perfetto di questo principio di gioco.


Condividi





Scan this QR Code to read this content on the web