logo 2018 rev2 def

Andy Goram: "Ho un cancro al 4° stadio, ma combatterò" 

19.05.2022

L'ex portiere scozzese e la sua lotta per la vita...


All’ex portiere dei Rangers e della Scozia Andy Goram sono stati dati sei mesi di vita dopo che gli è stato diagnosticato un cancro terminale. Goram ha rivelato in un’intervista al Daily Record di avere un cancro all’esofago al quarto stadio.

Il 58enne, che ha avuto anche un periodo di prestito con il Manchester United nel 2001, ha dichiarato che “combatterà come non ho mai combattuto prima”.

“Sarò qui il più a lungo possibile”, ha detto. “Combatterò come non ho mai combattuto prima. L’unica differenza è che la bomba a orologeria sta per esplodere”.

“Pensavo di aver fatto una grave indigestione. Era come se avessi l’esofago bloccato. Dopo qualche settimana, la situazione è peggiorata e non riusciva più a passare nulla.

“Tutto ciò che mangiavo o bevevo non arrivava a metà dello stomaco e lo rigettavo. Per due settimane non sono riuscito a incontrare il mio medico di famiglia, e a quel punto ero in totale agonia. Avevo anche perso quattro chili in quattro settimane.

“Ho fatto una TAC a Monklands, poi sono stato portato d’urgenza al Wishaw General e mi è stato detto che i miei parenti più prossimi dovevano essere con me. A quel punto i campanelli d’allarme hanno iniziato a suonare. Ho capito di avere il cancro”.

Durante i sette anni trascorsi con i Rangers, Goram ha vinto cinque campionati, tre Coppe di Scozia e due Coppe di Lega scozzesi.

Ha inoltre collezionato 43 presenze con la Scozia ed è stato selezionato per i Mondiali del 1986 e del 1990 e per gli Europei del 1992 e del 1996.

Goram ha detto che gli è stata data una stima di sei mesi di vita e ha rifiutato la chemioterapia.

“Lo specialista ha detto che se mi sottopongo alla chemioterapia, mi restano in media nove mesi di vita”, ha detto. Se non faccio la chemioterapia, me ne restano in media sei”.

“Accettare la chemioterapia e stare in agonia per avere tre mesi in più e una qualità di vita pari a zero? No, grazie. La chemioterapia è fuori dal menu”.


Condividi